Giustizia: da domani guidare senza patente non sara' piu' reato

Giustizia: da domani guidare senza patente non sara' piu' reato

Pubblicato da Luca Di Giampietro il giorno 06-02-2016   11:23:09
Class, liste nozze - Avezzano, Via Corradini, 163
 

Da domani entrera' in vigore la normativa che, tra gli altri, prevede la depenalizzazione del reato di guida senza patente previsto dal Codice della Strada.
Guidare un ciclomotore, un motoveicolo, un autoveicolo o una macchina agricola - ricorda la polizia - senza essere munito di patente perche' mai conseguita ovvero perche' la patente precedentemente posseduta era stata revocata con provvedimento definitivo gia' notificato all'interessato non sara' piu' reato ma illecito amministrativo, punito con la sanzione del pagamento di una somma da 5.000 a 15.000 euro e con il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi. La stessa sanzione si applichera' a chi, pur avendo la patente, guida un veicolo diverso da quello che la patente lo abilita a condurre e per il quale e' richiesta una categoria di patente appartenente ad un diverso gruppo ed anche a chi guida con patente non rinnovata a seguito di mancato superamento della prescritta visita medica di conferma di validita' o di revisione per accertata mancanza dei requisiti fisici, anche se e' in attesa del formale provvedimento di revoca. Per effetto del complesso meccanismo di rinvii del Codice della strada, lo stesso trattamento sara' riservato anche a chi ha una patente extracomunitaria scaduta di validita' e continua a guidare in Italia dopo un anno dal momento in cui ha acquisito la residenza ed al titolare di una patente estera che guida in Italia nonostante abbia avuto in provvedimento di inibizione alla guida per aver commesso gravi violazioni che comportano la revoca della patente.
A queste violazioni si applicano le procedure previste dal Codice della Strada. E' consentito, percio', pagare entro 60 giorni una somma pari a 5.000 euro. Salvo casi particolari, inoltre, e' consentito il pagamento scontato del 30%, entro 5 giorni dalla contestazione del fatto.