Minoranza attacca il sindaco: Non ci ha convocati per il teatro

Minoranza attacca il sindaco: Non ci ha convocati per il teatro

Pubblicato da Redazione Marsica il giorno 14-08-2016   09:00:35
Glass Banne lungo

AVEZZANO - Alla delibera che istitutisce l'ufficio del teatro dei Marsi è chiaramente scritto che deve essere convocato anche il consigliere di minoranza. All'ultima seduta in cui si è discusso del teatro, invece, l'amministrazione comunale di Avezzano e il sindaco Gianni Di Pangrazio hanno "dimenticato" di invitare anche l'opposizione.

«Abbiamo appreso la notizia che il sindaco Di Pangrazio giovedì 4 agosto ha riunito l’ufficio del teatro», commentano in una nota i consiglieri Mariano Santomaggio e Alessandro Barbonetti, «vogliamo ricordare per l’ennesima volta al sindaco smemorato che noi sottoscritti consiglieri facciamo parte di detto ufficio fino a tutta la durata del suo mandato elettorale (non vediamo l’ora che finisca) come lui stesso ha scritto nell’atto di nomina che per comodità alleghiamo».

«E’ noto che il sindaco soffre la nostra presenza, non solo nell’ufficio teatro», vanno avanti i due consiglieri, «ma gli rammentiamo che l’anno scorso, per la prima volta nella gestione del teatro, è stato ottenuto un successo di critica, pubblico ed incassi. Ovviamente anche per merito nostro. Ormai siamo abituati ai suoi atti di arroganza, prepotenza e disprezzo per coloro che hanno osato ed osano disturbare un sindaco scadente, nel senso che è in scadenza. Ma non ci arrendiamo ed utilizzeremo tutti i legittimi mezzi per evitare che continui a tiranneggiare e commettere altri soprusi».

«In ogni caso, poiché come visto la nostra permanenza nell’ufficio teatro è legata al suo mandato elettorale e poiché non ha ancora avuto la bontà di dare le dimissioni», concludono Santomaggio e Barbonetti, «facciamo sapere al sindaco che noi abbiamo il sacrosanto diritto di essere convocati e di partecipare alle riunioni dell’ufficio teatro -altrimenti illegittime-anche se lui (e qualcuno arrogante come lui) la pensa diversamente».